Progetto di Psicomotricità e di esperienze motorie

Direttore del corso: Dott: Sammy Marcantognini
Sede del corso: Progetto da anni attivo presso alcune Scuole dell’Infanzia

PENSO, MI MUOVO, CONOSCO ME, GLI ALTRI E LE COSE
Attività motoria ludica svolta nei locali della scuola dell’infanzia

Obiettivi

  • Strutturazione e conoscenza del proprio schema corporeo
  • Strutturazione e conoscenza degli schemi motori di base
  • Conoscenza del gioco e della dimensione simbolica come base per la strutturazione di una personalità sana
  • Sviluppo e sperimentazione della socialità
  • Sano e armonico sviluppo del corpo e delle sue funzioni
  • Conoscenza del corpo come strumento comunicativo
  • Le emozioni e la loro conoscenza al centro dell’attività

Strumenti

  • Esercitazioni e giochi stimolanti la conoscenza delle parti del corpo e delle funzioni vitali (es. respirazione)
  • Esercitazioni e giochi stimolanti l’apprendimento e la strutturazione degli schemi motori di base (Strisciare, arrampicarsi, rotolare…)
  • Giocare, rispettare le regole, gli spazi, gli altri, e il maestro.
  • Apprendimento della comunicazione corporea. Principi di semiotica e di prossemica (il gesto e il movimento che comunicano)
  • Le attività hanno come obiettivo lo svolgimento di giochi e se si desidera anche di dimostrazioni finali
  • Le attività saranno dirette da Dott. Marcantognini Sammy e da altri collaboratori specializzati

Psicomotricità 3-6 anni

Ritengo che lo scopo principale dell’attività ludica e motoria tra i 3 e i 6 anni, sia la progressiva consapevolezza del bambino di essere una persona (ogni essere umano in quanto tale, senza distinzione di sesso, età e condizione),  e quindi di essere un individuo che può pensare, fare, muoversi……anche senza l’aiuto della famiglia e degli educatori. Con la psicomotricità il bambino scopre il suo corpo, che diventa quindi oggetto della sua ricerca, ma anche il mezzo del suo conoscere. Tramite le possibilità e le capacità del suo corpo, il bambino scopre se stesso come unità di sensazioni, emozioni, pensieri, movimenti e capacità e scopre anche gli oggetti, i luoghi ed infine gli altri. Questa ricerca è gioia, fantasia, curiosità, perché il bambino ama provare e costruire. L’attività psicomotoria diventa strumento di questa ricerca e l’educatore è soltanto il trait d’union tra il bambino e l’attività. L’educatore propone e dispone, fornisce gli elementi fondamentali, mentre il bambino poi sceglie, prova, sbaglia e crea. Il bambino impara a conoscere le proprie sensazioni tattili, olfattive, uditive, visive, gustative ed infine cinestesiche. Inizia con il conoscere e sentire la differenza tra pesante e leggero, tra ruvido e liscio, tra diversi odori e poi  tra i colori ed infine tra i segnali del proprio corpo. Tramite la manipolazione e l’utilizzo di palle leggere e pesanti, di fazzolettini e di cavigliere piombate conosce e sperimenta la forza di gravità, toccando i vari oggetti sperimenta le sensazioni tattili sulle mani, e stendendosi sul pavimento gradualmente conoscerà la parte posteriore del proprio corpo; sotto la guida dell’educatore impara a distinguere i colori degli oggetti; conosce e sente che l’aria può entrare e uscire dal suo corpo, perché può sentire il suo respiro sulle mani e può vedere che il suo soffio può spostare dei fazzolettini; sperimenta la sensazione di riempirsi e di svuotarsi di aria. Capisce che il suo corpo ha un peso e come gli oggetti che utilizza rispetta le leggi di gravità; sentirà che le sue braccia sollevate pesano, che il suo corpo che cade sul materassone ha un peso…… E poi conoscerà, tramite esercitazioni specifiche, le sensazioni dei  suoi muscoli che si contraggono e si rilassano. Insieme a tutto questo conoscerà anche che le sensazioni (stanchezza, freddo, caldo….)  possono essere percepite dal suo corpo e che hanno un nome e che si ripetono sempre uguali. Per ultimo realizzerà che anche le emozioni possono essere percepite e che sono diverse e numerose e che possono confondersi tra loro e mischiarsi in un continuo ripetersi.

Il progetto prevede che i bambini siano divisi in gruppi in base all’anno di nascita, da 15 circa. Viene prevista una lezione alla settimana di 45 minuti per ogni gruppo. L’attività viene accuratamente programmata con la collaborazione delle maestre stesse in relazione a tutte le altre attività della scuola.

Le attività saranno dirette, programmate e supervisionate da Marcantognini Sammy (Laurea in Psicologia, Laurea in Scienze Motorie, Laurea in Filosofia) con la collaborazione di laureati in Scienze Motorie e collaboratori esperti specializzati nel lavoro con i bambini in questa fascia d’età: Giulia Delbene (laurea in Scienze Motorie)  Filippo Vergoni (laurea in Scienze Motorie) e Valentina Torcoletti (laurea in Scienze Motorie) 

 

Richiedi informazioni